fbpx
  • info@pma-italia.it
  • +39 055 583840
  • Lista Elementi

Infertilità o sterilità: facciamo chiarezza

Pubblicato il 20 Giugno 2019

Capita spesso che, quando si affrontano temi specifici relativi alla fertilità ed alla Procreazione Medicalmente Assistita (PMA), si presentino riferimenti a termini come infertilità e sterilità. Sappiamo infatti che la PMA è un percorso di speranza al quale le coppie si affidano quando, a causa della presenza di una delle due situazioni appena citate, non riescano a coronare il sogno di concepire o portare a termine con successo una gravidanza. Ad oggi però, sussiste ancora molta confusione in merito a quello che è il significato di sterilità ed infertilità, tanto che risultano numerosi i casi in cui i due termini siano proposti come sinonimi, accomunati o utilizzati erroneamente.

Sterilità e infertilità: la differenza

La differenza tra sterilità ed infertilità è ben definita, e si basa esattamente sulle cause per la quali non si riesca ad avere un figlio. Per essere più chiari, la sterilità è l’impossibilità di concepire naturalmente e può interessare uno dei due partner o entrambi.

 L’infertilità invece, è rappresentata dall’impossibilità da parte della coppia, a seguito di 12 mesi di rapporti mirati e non protetti, di portare a termine una gravidanza naturale con la nascita di un bambino sano o vivo.

Infertilità

Si ritengono fondati problemi di fertilità quando, dopo un periodo appunto di 12 mesi di rapporti mirati e non protetti, la coppia non consegua con successo una gravidanza. In fase di analisi della fertilità di coppia uno dei fattori da considerare e che maggiormente condiziona questa finestra temporale di valutazione è sicuramente l’età della futura mamma.

Le linee guida dell’American Society for Reproductive Medicine consigliano, per le coppie dove la donna ha un’età compresa tra i 35 ed i 40 anni o/e in presenza di fattori di rischio, di effettuare accertamenti per determinare la presenza di uno o più ostacoli al concepimento dopo 6 mesi a seguito della ricerca attiva. Quindi il periodo soglia da considerare prima di cominciare a pensare all’ipotesi dell’infertilità, varia spostandosi a due perdite gestazionali.

Si stima che l’infertilità coinvolga il 15% delle coppie e che diversi risultino essere i fattori che concorrono nell’insorgenza dell’infertilità. Quando non si siano riscontrate patologie e motivazioni mediche che impediscano il naturale concepimento, i fattori che ricoprono un ruolo significativo sono determinati da fenomeni sociali complessi, quali:

  • Ricerca del primo figlio in età tardiva (soprattutto della donna)
  • Uno stile di vita scorretto o eccessivamente sedentario
  • Uso di alcool, fumo o droghe
  • Obesità o eccessiva magrezza
  • Infezioni
  • Inquinamento.

In caso non sussistano motivazioni mediche e organiche spesso gli effetti negativi sulla fertilità sono reversibili  adottando giusti stili di vita con i quali è anche possibile preservarla più a lungo nel tempo.

Sterilità

Una coppia si definisce sterile quando sussiste l’impossibilità di concepire naturalmente. Anche per la sterilità, così come per l’infertilità, è bene effettuare controlli approfonditi se non si ottenga un concepimento dopo 12 mesi di rapporti non protetti.
La sterilità non ha particolare incidenza in uno dei due sessi, ma ad oggi risulta affliggere almeno il 10% delle coppie.

Relativamente alla sterilità si distinguono: sterilità primaria, sterilità secondaria e sterilità idiopatica (o non spiegata).

  • Sterilità primaria: rientrano in questo gruppo le coppie che non siano mai riuscite a concepire un figlio.
  • Sterilità secondaria: rientrano in questo gruppo le coppie che, sebbene a differenza della prima tipologia abbiano già conseguito una precedente gravidanza, non riescono a concepire un secondo figlio. Questo nonostante nel caso del primo figlio la gravidanza sia stata portata a termine in modo del tutto naturale.
  • Idiopatica (o non spiegata): rientrano i casi in cui non è possibile identificarne una causa organica. Non sussistono patologie riscontrate responsabili della sterilità, ma significativa risulta essere la componente psicologica.

Cause dell’infertilità e della sterilità

Numerose possono essere le cause dell’infertilità o della sterilità, tra le più frequenti si evidenziano:

  • Tubariche o pelviche: trattasi di un problema legato ad un’ostruzione o una chiusura delle tube di Falloppio. In alcuni casi possono essere dovute ad aderenze pelviche.
  • Ovulatorie oppure ormonali: situazione che si manifesta quando vi è la mancanza o l’irregolarità dell’ovulazione.
  • Patologiche: alcune malattie possono essere causa di infertilità o sterilità, alcuni esempi possono essere l’iperprolattinemia e la sindrome dell’ovaio micropolicistico.
  • Cervicali: quando è presente nella cervice uterina del muco, il quale risulta ostile al passaggio degli spermatozoi. La ragione può essere una carenza di estrogeni, la presenza di fattori infettivi o dal danneggiamento delle ghiandole cervicali in seguito ad un intervento chirurgico.
  • Uterine: tale situazione si manifesta quando vi siano malformazioni congenite dell’utero, oppure in presenza di miomi o di aderenze all’interno della cavità uterina.
  • Endometriosi: quando l’endometrio (mucosa che normalmente riveste l’interno della cavità uterina) è presente anche all’esterno dell’utero. È una malattia spesso invalidante per la donna che può presentarsi anche dopo il primo ciclo mestruale e rimanere presente fino alla menopausa. L’endometriosi riduce seriamente le probabilità di concepimento.
  • Maschili: la causa del mancato concepimento può essere legata ad un problema dell’uomo, quando esso non riesce a produrre un numero sufficiente di spermatozoi, oppure li produce con caratteristiche anomale che non permettono la fecondazione dell’ovulo.
  • Sconosciute: quando attraverso tutte le analisi di routine non si riesce ad individuare la causa che impedisce alla coppia di concepire. Si parla in questo caso d’infertilità idiopatica.
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin