fbpx
  • info@pma-italia.it
  • +39 055 583840
  • Lista Elementi

Concepimento: anche il peso conta.

Pubblicato il 8 Giugno 2019

Tra le tante cause identificate e dimostrate da approfonditi studi medici, il peso risulta essere uno dei fattori che può concorre nell’impedimento di un concepimento naturale.

Solitamente avere qualche chilo di troppo può essere considerato semplicemente un fastidio di natura estetica per la forma fisica, ma in realtà per quanto riguarda l’organismo, non risultano esserci rilevanti problemi che possano ostacolare il funzionamento degli organi; a meno che ovviamente non si parli di obesità. 

Un paio di chili di troppo sono fisiologici, spesso il risultato di una vita sedentaria e di qualche strappo nelle abitudini alimentari. Quando i chili diventano troppi possono essere la causa di più di un problema di salute capace di ripercuotersi su tutto l’organismo influenzando anche il concepimento.

Diversi esperti negli anni hanno evidenziato come esista una correlazione diretta tra peso e infertilità: per il concepimento anche il peso conta! Quando si desidera una gravidanza raggiungere il peso ideale è sicuramente un buon punto di partenza per permettere al corpo di essere in salute e ricettivo.

Non solo quindi il sovrappeso, ma anche il sottopeso, possono concorrere a ridurre sensibilmente le possibilità di rimanere incinta. Si può già notare quale reazione abbia l’organismo con il ciclo mestruale in entrambi i casi. Gran parte delle donne obese o anoressiche infatti vedono pian piano il ritmo del ciclo cambiare e diventare irregolare, ed in alcuni casi addirittura sparire del tutto.

Il peso quindi ha una grande rilevanza quando si tratta di concepimento e di ormoni.

Concepimento: i problemi di peso per la donna.

L’eccesso di chili, così come lo stato di sottopeso, comportano molte reazioni all’interno del corpo di una donna, interferendo significativamente sia con il ciclo mestruale che con l’ovulazione.

Molti studi hanno dimostrato come tra le donne obese, una significativa percentuale, dal 30 al 50 %, presenti mestruazioni irregolari o assenti. Un sintomo significativo che spesso risulta essere associato all’eventuale insuccesso nel raggiungimento del sogno di diventare mamma.

L’irregolarità però non è sempre indicativa. Infatti, anche in presenza di un ciclo regolare, se la donna è sovrappeso o sottopeso, potrebbero insorgere difficoltà nella naturale riuscita del concepimento.

Basti pensare che l’indice di massa corporea di una donna dovrebbe risultare sempre all’interno di un insieme di valori che vanno da 21 a 29. Per ogni unità che supera il massimo di 29, diminuirà del 4% la possibilità di concepire.

Ma non sarà solo il concepimento ad essere influenzato ed ostacolato a causa del peso. Infatti, gli stati di obesità o di anoressia possono aumentare i casi di aborto spontaneo e le probabilità che si verifichi la necessità di un parto cesareo.

In particolare un indice di massa corporea elevato avrà conseguenze molto importanti sia sulla qualità degli ovociti che sull’eventuale gravidanza successiva. Pertanto i medici chiederanno alla paziente, prima di avvicinarsi alla PMA, di eseguire una dieta in modo da riportare il peso corporeo a valori normali.

Molte coppie in questa situazione si rivolgono con fiducia e speranza alla PMA. Questo percorso aiuterà a migliorare sensibilmente le probabilità di un concepimento, ma è necessario sapere che in caso di obesità o di anoressia, i trattamenti medici per facilitare la fertilità, risulteranno essere meno efficaci.

Infertilità e peso sbagliato: cosa comporta nell’uomo.

Anche nell’uomo, i problemi di peso tendono a diminuire le possibilità di procreare. Solo recentemente, diversi esperti hanno dimostrato che anche l’uomo subisce conseguenze, fino all’infertilità, a causa di obesità o anoressia. C’è infatti un collegamento diretto tra l’aumento dell’indice di massa corporea e l’abbassamento del livello di testosterone.

In pratica un peso corporeo al di fuori dei normali parametri, tende a diminuire significativamente la concentrazione di spermatozoi all’interno del liquido seminale ed accentua una debolezza acuta degli stessi, che risulteranno essere molto meno attivi. Nell’uomo, ogni 9 chili di sovrappeso possono ridurre la sua fertilità fino al 10%.

L’obesità maschile potrebbe inoltre portare anche ad un’ipertermia testicolare. Questo accade quando all’altezza tra il pube e le cosce, i testicoli non trovano spazio per “respirare”. In questa condizione la temperatura sale inesorabilmente rendendo l’area molto calda. Il calore elevato è di ostacolo ad una situazione fisica ideale per il corretto completamento della spermatogenesi causando la conseguente riduzione dei livelli di testosterone.

Nei pazienti obesi, più che in quelli normopeso, potrebbero verificarsi anche problemi nella riuscita dell’erezione.

In questi casi, soprattutto nel caso maschile, entra in gioco anche un fattore psicologico. Un uomo che non si sente virile tende a diventare insicuro e schivo, e talvolta incline anche a rifiutare il rapporto sessuale per evitare di vivere un’esperienza negativa. Tutto ciò potrebbe causare un aumento del livello di stress compromettendo il successo di un concepimento naturale. 

Il peso ideale per la coppia che vuole concepire

Il peso ideale, secondo la struttura fisica individuale, aiuterà sicuramente il corpo della futura mamma ad essere in forma e ricettivo per accogliere una nuova vita e quello del futuro papà a creare una situazione ottimale a livello riproduttivo.

Prendersi cura della propria forma fisica e di conseguenza raggiungere un peso ideale aumenterà inoltre il senso di energia ed il benessere psicofisico.

Importante sarà condurre uno stile di vita sano ed adottare abitudini alimentari corrette, senza rinunciare al gusto e al piacere positivo della convivialità.

Soprattutto per la donna l’alimentazione ed il peso possono essere veri alleati per la fertilità ed aiutare significativamente le possibilità di concepimento, per questo è consigliabile preferire attività fisica moderata e un regime alimentare completo piuttosto che drastiche diete che potrebbero mettere in crisi il bioritmo del corpo creando scompensi controproducenti.

Esistono ovviamente valori e parametri sulla massa corporea ed il rapporto altezza peso per identificare quello ideale che si dovrebbe raggiungere, ma un buon inizio, positivo e a supporto di un salutare stato di fertilità, potrebbe essere porsi piccoli obiettivi e raggiungere gradualmente il peso forma magari iniziando il percorso in coppia.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin